“Morire di speranza”: preghiera per i migranti morti in mare

0
Un'edizione di "Morire di speranza" del 2017

Mercoledì 8 luglio a Novara si terrà la preghiera “Morire di speranza”, riflessione in memoria di quanti hanno perso la vita nei viaggi verso l’Europa e il Nord del mondo. Un gesto, spiegano i promotori (a livello novarese la Comunità di Sant’Egidio in collaborazione con la Caritas diocesana), «per mettere al centro dell’attenzione di tutti, simbolicamente,
coloro che la pandemia ha messo in ombra: uomini, donne, bambini, che continuano a morire nel mar Mediterraneo e in tante aree del mondo, alla ricerca di una vita migliore». L’appuntamento è per le 21, per la prima
volta in piazza Duomo e all’aperto, proprio nel cuore del capoluogo novarese. La serata viene organizzata per la Giornata Mondiale del Rifugiato e, a livello nazionale, vede l’adesione anche di Associazione
Centro Astalli, Fondazione Migrantes, Fondazione Chiese Evangeliche in Italia, Acli, Scalabrini Migration International Network (Simn), Associazione
Comunità Papa Giovanni XXIII e Associazione Comboniana Servizio Emigranti e Profughi (Acse). A presiedere la preghiera, mercoledì,
sarà don Giorgio Borroni, direttore della Caritas diocesana.

 

ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here