Inaugurata la mostra “Stato di Grazia” dell’associazione Oltre le Quinte

0

E’ uno degli ultimi progetti dell’associazione di promozione sociale Oltre le Quinte: una mostra fotografica dal titolo “Stato di Grazia”; inaugurata venerdì pomeriggio allo spazio Nòva all’ex caserma Passalacqua. Oltre al vernissage, la presentazione del libro “Danzando Oltre le Quinte”. La mostra sarà poi visitabile sino al è visitabile sino al 26 ottobre dalle 17 alle 20 e domenica 27, dalle 10 alle 13, oppure su appuntamento (info e contatti: oltrelequinte.no@gmail.com). 

“Stato di Grazia”, come spiegano da Oltre le Quinte, è «quesito e risposta che guida l’esplorazione del gesto e l’avvicinamento della propria anima, la forma di un desiderio e la leggerezza nella complessità». In mostra ci saranno ritratti fotografici ispirati e attraversati dallo Stato di grazia. Il progetto è stato ideato da Francesca Cola e creato insieme ai performer di Oltre le Quinte. Direzione e coordinamento di Cristina Pastrello; fotografia Silvia Pastore; assistenti alla realizzazione, Pastrello e Silvia Girino; allestimento Matteo Capobianco e Alessio Onida. Cola e Pastore hanno guidato le persone in un percorso di creazione unica, il cui esito sono 19 opere. Ne sono nati 19 scatti fotografici straordinari, in cui ciascun protagonista ha voluto rappresentare a suo modo lo ‘stato di grazia’. Protagonisti degli scatti anche giovani con fragilità, felici, venerdì all’inaugurazione, di mostrare agli spettatori gli scatti di cui sono stati protagonisti.

Un’inaugurazione che ha visto la presenza del sindaco Alessandro Canelli e del vice sindaco e assessore alle Politiche sociali, Franco Caressa.

L’associazione “Oltre le Quinte” è composta da esperti dei linguaggi artistici in ambito sociale-educativo e da professionisti delle arti performative; ha gruppi di performers danzatori e musicisti, che coinvolgono persone con disabilità e fragilità. Nel 2017 è stato attivato, con il sostegno di Fondazione Alta Mane Italia, “Danzando Oltre le Quinte”, progetto formativo pensato per offrire al gruppo la possibilità di acquisire competenze atte a sostenerli nel ruolo di interpreti e infine coautori in un processo creativo. Nell’ultimo anno le energie sono state concentrate in un percorso di produzione. Il processo e gli eventi realizzati in questo triennio (dal 2016 anno di nascita dell’aps), sono narrati nella pubblicazione “Danzando Oltre le Quinte”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here