Oltre 100 persone al sit-in a Novara contro la condanna a morte di Djalali

0

Una lotta contro il tempo che non spaventa Novara, che, ancora una volta, l’altro pomeriggio, è scesa in campo per dire ‘no’ alla condanna a morte di Ahmadreza Djalali, il ricercatore che per molti anni ha lavorato nella nostra Università. È stato un ricercatore del Centro di ricerca in medicina dei disastri. Molta la preoccupazione tra chi ha partecipato al sit-in promosso davanti al Comune. È notizia di pochi giorni fa come la sentenza sarà eseguita entro il 21 maggio. Davanti a Palazzo Cabrino si sono radunati cittadini, amici del medico, amministratori, rappresentanti di associazioni, poco più di un centinaio di persone per esprimere solidarietà ad Ahmad e protestare contro la sua condanna a morte.

 

Hanno portato cartelli con l’immagine del medico prima e poi durante la sua detenzione in carcere. Le sue condizioni di salute sono gravi. A Novara, per tenere alta l’attenzione sulla vicenda, Riccardo Noury, di Amnesty International nazionale. Oggi, inoltre, in Università, si è potuta firmare la petizione per la liberazione di Ahmad.

Servizio completo con tante altre voci sul settimanale in edicola da venerdì 13 maggio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here