Bar e ristoranti: «Così si può andare avanti poco»

0

Bar e ristoranti novaresi aperti (solo in parte) per vendite da asporto e consegne a domicilio. Tra le tante paure del presente, proprie e della clientela, e gli indubbi timori per un futuro che ad oggi non offre alcuna positiva garanzia. 

«A fine giornata – dicono Cristina e Vittoria Gentili del Bar Ateneo – non s’incassano nemmeno i soldi per coprire le spese. Uffici e università chiusi, visite in ospedale proibite, così la nostra clientela s’è azzerata». «Siamo a terra – aggiunge Riccardo Marangon del Mazzini Cafè – il lavoro è nullo. Teniamo aperto per lavorare almeno con l’enoteca ma con risultati modesti. Gente in giro non ce n’è». «Così non può funzionare ancora a lungo – dice Aura Marin de Il Quinto bar – apro solo al mattino fino alle 12 con fatica enorme e incassi di pochi euro». «Per fortuna – sostiene Antonio Ariatta del bar Barbarossa – lavoro un po’ in pausa pranzo ma solo con clienti fidelizzati. Questa è una normalità che non funziona». «Da noi solo attività di bar – confermano Alessandro Nicastro e Milena Kenoussi de La caffettiera 17 – ma poca ristorazione. Il lavoro da asporto? Copre metà delle spese». Un’apertura parziale però condivisa dai più.

ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here