“Buoni spesa”: aperte le richieste al Comune di Borgosesia

0

 

Al Comune di Borgosesia sono arrivati i fondi di solidarietà alimentare stanziati dal Governo e dunque i cittadini che si trovano in reali condizioni di difficoltà ad affrontare il quotidiano, potranno fare richiesta agli uffici comunali per avere i buoni spesa. “Abbiamo ricevuto dal Governo poco più di 66mila euro” spiega il sindaco Paolo Tiramani “e da lunedì scorso i borgosesiani possono presentare le loro domande all’ufficio Servizi sociali. Faremo in modo di distribuire ai bisognosi i fondi ottenuti, ai quali si aggiungeranno i fondi raccolti grazie al conto ad hoc costituito dal nostro Comune nei giorni scorsi. I cittadini che hanno reali esigenze non devono temere di essere lasciati soli: il periodo è difficile, ma siamo al loro fianco”.

Chi può fare domanda: famiglie residenti che abbiano subito una consistente riduzione delle entrate a causa dell’emergenza sanitaria (lavoratori dipendenti, autonomi, commercianti, artigiani, persone che abbiano perso lavori anche saltuari, famiglie che già beneficiano di sostegno al reddito, pensionati). Come funzionerà: sul sito del Comune di Borgosesia è disponibile il modulo da compilare per presentare la domanda; il modulo compilato va inviato a covid19.borgosesia@ruparpiemonte.it insieme alla scansione (o fotografia) del documento di identità del richiedente. Le domande si possono presentare sino al 10 aprile. A chi avrà diritto ai buoni, questi verranno consegnati una tantum e saranno spendibili negli esercizi commerciali che si saranno convenzionati con il Comune: sul sito del Comune si può trovare l’elenco dei negozi in cui è possibile effettuare acquisti.

“Ovviamente i buoni sono utilizzabili solo dai titolari degli stessi: i negozianti verificheranno che chi li utilizza effettivamente chi ne ha diritto” spiega il sindaco “in questo modo si eviterà che i buoni siano ceduti o sottratti e utilizzati da chi non ne ha diritto. E’ fondamentale che si utilizzi questa risorsa con il massimo senso civico: i fondi non sono molti, dobbiamo fare in modo che vadano a sostenere chi veramente si trova in difficoltà. Sulla base del numero di domande che riceveremo potremo fare eventualmente una seconda redistribuzione dei fondi disponibili, fornendo così ulteriori aiuti: chiedo ai borgosesiani di dimostrare, anche in questo caso, il cuore che li sta contraddistinguendo in questo momento difficile. Aiutiamo chi ha veramente bisogno”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here