Le feste patronali di Fontaneto con mons. Cerrato, vescovo di Ivrea

0
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Monsignor Edoardo Aldo Cerrato, vescovo di Ivrea, ha preseduto la Messa della solennità di sant’Alessandro domenica 11 agosto nella chiesa parrocchiale di Fontaneto d’Agogna. Accanto l’arciprete don Simone D’Allrara e don Josè Makuntima, sacerdote dell’Angola, studente a Roma attuale in aiuto a don Simone.

La Celebrazione è stata accompagnata dalla splendida Corale don Antonio Merlo, diretta dal maestro Pier Mario Teruggi.

L’ingresso in chiesa dei celebranti è stato accompagnato dai rioni e della frazione di Fontaneto d’Agogna: Sant’Alessandro, San Rocco (che rappresentano il centro), Baraggia, San Martino, Gerbidi, Balchi, Croce, Caccina, Sant’Antonio.

Ai primi banchi gli amministratori comunale con il sindaco Alfio Angelini, e i rappresenti del Comitato festeggiamenti di San Rocco. Fra i presenti anche la mamma di monsignor Edoardo, Teresa Bianco Cerrati, 96 anni.

Don Simone ha espresso al Vescovo i saluti della comunità mentre il prelato ha espresso sorpresa per la vasta partecipazione e la dimostrata devozione a sant’Alessandro e la presenza dello scurolo antonelliano.

All’omelia, soffermandosi sul “giovane” “cristiano” Alessandro ha detto che della sua vita non si conoscono molto dettagli: «Ma un martire e questo basta per dimostrare il suo amore non per un’idea, ma per una persona, Gesù».

Sui tempi correnti, ha osservato che «oggi prevale un pensiero unico: se non la pensi così non sei moderno». Rimangono però fondamentali e non legati a mode valori come «la famiglia, il completarsi a vicenda dell’uomo e della donna».

Durante la Messa è stata celebrato amministrato anche un battesimo a Raffaele, figlio di Patrick Gerardi e di Maggie Zena, componenti il gruppo di famiglia che 41 anni allestiscono il luna park durante le feste patronali fontanetesi.

Monica Duelli, vice sindaco, a nome dell’Amminstrazione comunale, ha espresso il ringraziamento a tutti coloro che sono impegnanti in modo volontario alla realizzazione della festa di sant’Alessandro. Ha ricordato coloro che non possono parteciparvi per malattia ed ha aggiunto: “La festa patronale con i suoi suoni, i suoi odori è scolpita nella nostra memoria più profonda, quella delle cose care che non si dimenticano”.

Al termine, l’omaggio a Sant’Alessandro nello scurolo a lui dedicato.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here