La Belle époque sbarca sul Lago Maggiore

0

Una Stresa d’altri tempi, un’atmosfera retrò tutta da vivere. Questa è stata “Stresa Liberty”, una seconda edizione ricca di sorrisi, quelli degli oltre centocinquanta figuranti in costume d’epoca e quelli dei turisti. Partiti da Arona sul piroscafo Piemonte, gli “attori” sono sbarcati a Stresa, colorando le vie del centro con i propri abiti di inizio Novecento e dando vita a un pic-nic a tema ai giardinetti del lungolago, con raffinate stoviglie e sfiziose prelibatezze. E, ancora, una partita di croquet, vele storiche sul lago e carrozze dei più importanti costruttori dell’epoca, con equipaggi abbigliati a tema, la milonga Liberty e la musica del gruppo Dirty Dixie per le vie cittadine.

Interessanti sono le mostre allestite al Palazzo dei congressi e vistabili fino alla fine di luglio. Vi sono esposti abiti d’epoca a cura del museo civico archeologico etnografico “Fanchini” di Oleggio; ombrelli d’epoca a cura del museo dell’Ombrello e del parasole di Gignese; e divise storiche dell’Arma dei Carabinieri provenienti da una collezione privata.

A queste si aggiunge la mostra “Stresa al tempo del Liberty”, che illustra le più significative realizzazioni urbanistiche e architettoniche del tempo, a cura del gruppo di ricerca storico composto da Vilma Burba, Giorgio Chiari, Andrea Lazzarini, Thea Tibiletti e Roberto Valli. Incontri, presentazione di libri, l’esposizione di bambole e giocattoli d’epoca a cura di Daniela Maggioni e di ferri da stiro “Petoletti” messi a disposizione da Andrea Bertolaia e Marcello Barbè, hanno arricchito la manifestazione.

L’articolo integrale sul nostro settimanale, nelle edizioni disponibili nella zona settentrionale della diocesi di Novara – Il Popolo dell’Ossola, l’Informatore del Cusio, il Verbano – in edicola da venerdì 15 luglio 2022. Tutti i settimanali si possono consultare anche online.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here