Scuole riapertura con slalom

0

Se a due anni dall’inizio della pandemia stiamo ancora parlando di scuola in presenza o in dad, allora sì: abbiamo un problema. Grave. Che non è dettato dal virus (davvero eravamo così ingenui che lo avremmo debellato in meno tempo?). E nemmeno dai no vax (ai quali avrei tanto da dire, ma non è questa la sede). Il problema siamo noi. Sì, perché se in quindici giorni di vacanze, l’unica cosa su cui abbiamo saputo dibattere è stata “scuola aperta sì o no?”, significa che i primi a non crederci siamo noi. Noi adulti, noi politici, noi presidi, noi insegnanti. Perché è vero che i numeri dei contagiati sono in crescita, ma è altrettanto vero che a preventivare un’impennata del genere ci sarebbe arrivato il più ingenuo degli ingenui. Possibile non si sia riuscito a fare un minimo di programmazione? Sembra siano passati due anni invano. O quasi.

Che si potessero infettare i bambini era scontato: allora, perché non investire per davvero nella possibilità di una didattica a distanza seria ed efficace? Che potesse capitare ai loro docenti, altrettanto scontato: allora perché non potenziare davvero gli organici. Invece, a partire dalle Asl – chi scrive ne è testimone – le parole “sotto organico” sono state le più gettonate. Suvvia, un minimo di lungimiranza: a volte sembra di giocare a risiko. Ma stiamo parlando della crescita delle nuove generazioni, di profondere energia per un mondo migliore. O abbiamo davvero intenzione di continuare a navigare a vista? Perché sperare è cristiano ma improvvisare…

E poi, veramente, che le norme cambino con la stessa velocità delle varianti del virus, non permette un minimo di continuità nel metterle in pratica. E di organizzazione, anche per chi ce la mette tutta. Passando le notti insonni.

Qualche esempio: quando parleremo davvero di gestire diversamente classi sovraffollate, frutto di anni di tagli? Di scuole che cadono a pezzi, con mancanza di strumenti di aerazione efficaci? E della comica dei mezzi di trasporto, con tanto di norma e passo indietro del governo domenica pomeriggio sull’uso dei pullmini, cosa possiamo dire? Due anni e due governi non sono evidentemente bastati per cambiare, tornando evidentemente al punto di partenza. Ma anche qui, il Covid non centra: prima si sarebbero dovute fare scelte diverse, investendo davvero nell’istruzione.

Ma a preoccupare non c’è solo la mancanza di investimenti o di risorse umane, per non parlare del mancato vero riconoscimento della figura dell’insegnante. Prima di tutto spaventa una riaffiorante mancanza di coraggio nell’educare, nonostante le prove. Perché – per giorni – abbiamo sbandierato: meglio la Dad. Che educativamente significa: non tentiamo neanche. Ma che messaggio può passare da educatori cosi, che hanno paura della realtà e non fanno un tentativo tangibile per cambiarla? Saranno due mesi difficili, come quelli passati. Saremo tutti stanchi (e i problemi veri arriveranno in queste ore, con nuovi numeri, dobbiamo esserne consci) ma non potremo andare a scuola senza questa consapevolezza: noi siamo qui per voi e con voi, ragazzi. In una scuola, anche maledettamente imperfetta, ma continuo presidio educativo, che ha ragione di esistere solo se ci mette il cuore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here