Negli ultimi, nei soli e in chi domanda speranza scorgere la bellezza del Signore che viene

0

I migranti e gli ultimi del mondo lasciati soli, i giovani che chiedono parole di futuro, le famiglie ferite cui stare vicino. E ancora coloro che cercano lavoro, il corpo delle donne che esigono rispetto e i malati che hanno sofferto di più, nel tempo di pandemia. A tutti loro è dedicato il messaggio del vescovo Franco Giulio per il Natale 2021. Un messaggio che è anzitutto un invito a guardare alla bellezza del Signore. Lo fa in un gioco di specchi – ritmato dall’espressione “Come sei bello…” – tra le sue parole e quelle che san Bernardo da Chiaravalle ha usato in uno dei suoi sermoni sul Cantico dei Cantici. La bellezza che indica il vescovo è quella di un Dio che si fa bambino ma che, troppo spesso, sembra essere dimenticato e non riconosciuto mentre riposa nella mangiatoia. Proprio come i tanti dimenticati che bussano – inascoltati – alla porta dell’Occidente ricco. Un Dio che si fa prossimo agli uomini con il volto di un bambino in fasce, accolto da Maria e da Giuseppe. E nella cui bellezza è possibile guardarsi proprio mentre si pongono energie, volontà e impegno per non lasciare soli tutti coloro che chiedono parole e gesti concreti di speranza. Tenendo come bussola le sue parole, proponiamo su questo numero un itinerario che conduce proprio a riflettere sui nodi che ancora sono da sciogliere oggi in merito all’attenzione a tutte queste persone. Immaginando come possibile un mondo in cui le relazioni e le dinamiche della società possono essere diverse e rinnovate, proprio grazie alla bellezza di quel bambino che viene. Negli ultimi, nei soli e in chi domanda speranza scorgere la bellezza del Signore che viene.

SERVIZI SUL GIORNALE IN EDICOLA DA OGGI,

VENERDI’ 17 DICEMBRE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here