Borgomanero capofila di un progetto europeo di solidarietà

0

E’ come se per due giorni Borgomanero fosse al centro dell’Europa. Venerdì 30 e sabato 31 luglio, in città si svolge il convegno definito “Sping – Solidarity in ProGress – rete fra le città”, finanziato dalla Comunità Europea, Si tratta di un progetto come base la solidarietà e mette in comune le esperienze maturale durante la pandemia.

Al progetto è coinvolta Anci Piemonte (Associazione nazionale comuni d’Italia) e le città di Bad Mergentheim (Germania), Digne les Bains (Francia), Quart de Poblet (Spagna), Aksakovo (Bulgaria), Stip (Macedonia del Nord) e Ziebice (Polonia).

La presentazione venerdì, all’auditorium di via Moro,  da parte del sindaco Sergio Bossi, del vice sindaco e vice presidente dell’Anci Piemonte Ignazio Stefano Zanetta con la partecipazione del dirigente Barbara Rosaspina.

Partendo dall’esperienza globale dell’emergenza epidemiologica, il progetto si concentra sulle azioni di solidarietà e cooperazione attuate durante questo periodo critico sia nella Comunità europea sia nei singoli stati.

Che cosa avviene fuori dai confini d’Italia?  Quali altre proposte possono essere “copiate” e quanto l’esperienza borgomanerese può essere a sua volta “copiata”?

Il contro di Borgomanero ha riguardato la Protezione civile.

In ottobre, secondo incontro, Quart de Poblet  in Spagna, sulla scuola.

Quindi Aksakovo  in Bulgaria sui Giovani; poi Ziebice in Polonia, nel marzo 2022, sul volontariato;  Stip nella Macedonia del Nord, in luglio, sulla cooperazione sanitaria; Digne les Bians in Francia, in settembre, sulla solidarietà tra famiglie; Bad Mergentheim in Germania, in dicembre, sulla cooperazione.

La conclusione sarà all’Anci di Torino.

Nelle foto momenti dell’incontro di Borgomanero.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here