Sotto stress il Dea pronto soccorso di Borgomanero

0

L’attività al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Borgomanero stata aumentando di giorno in giorno per malati da covid.

Accanto a loro gli altri pazienti, di  trauma grave, ictus,  sintomi acuti e altro, che necessitano di ricovero o di cure immediate o comunque appropriate.

 

Dal Pronto Soccorso si alza l’appello del direttore, dottor Claudio Didino a tutta la popolazione locale: «Il sistema ospedaliero è sottoposto in queste settimane ad un carico ancora maggiore rispetto a quanto accaduto durante le precedenti “ondate” epidemiche. I posti letti nei reparti di terapia intensiva e subintensiva sono praticamente al limite e il Pronto Soccorso è costretto a richiedere lunghe attese anche ai pazienti per cui è previsto il ricovero. Raccomando con forza di utilizzare questo servizio, indispensabile e vitale, solo quando necessario. Per i codici di bassa intensità (verde e soprattutto bianco) i tempi per l’effettuazione della visita possono essere anche di molte ore. Non siamo usciti dall’emergenza epidemica».

Prima di accedere al Pronto Soccorso la persona è soggetta a pre-triage per stabilire la bassa o alta probabilità di malattia, per cercare di evitare il più possibile che il virus possa diffondersi nell’ambiente ospedaliero ed indirizzare il paziente al percorso no-covid o covid (in caso di tampone positivo). Le persone vengono quindi valutate dal personale infermieristico che assegna loro un codice colore, dal rosso al bianco, in base all’urgenza e alla priorità di intervento.

«La situazione è grave e preoccupante – riprende Didino – e i cittadini devono saperlo: abbiamo bisogno del loro aiuto, che facciano ciascuno la propria parte lavando le mani, mettendo la mascherina, evitando di assembrarsi e di venire in pronto soccorso solo per avere un tampone più velocemente. Aiutateci e aiutatevi a non diffondere il virus e permetteteci di concentrare tutte le nostre forze sui pazienti (ancora troppi) che si presentano con gravi sintomi e con serio pericolo di vita.  In Ospedale stiamo facendo il massimo, ma le nostre risorse non sono infinite».

Servizio sull’Informatore di venerdì 26 marzo.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here