Il tampone ‘novarese’ scopre le varianti di Covid

0

Si chiama “RT-27 Covid-19 Variant Catcher” ed è il primo kit, in Italia e in Europa, capace di rilevare le tre varianti (inglese, sudafricana e brasiliana) del Covid. Il supertampone è una novità assoluta ed è un’eccellenza novarese. Si realizza a Siziano, nel Pavese, da parte di Clonit, azienda biotecnologica fondata nel 1987 da Carlo Roccio, novarese di Cerano e biologo. Proprietario della società, con il presidente Roccio, un altro ceranese, Dario Russo, amministratore delegato. E i ceranesi coinvolti in Clonit non si fermano qui. Con loro c’è anche Stefano Roccio.


«Da sempre impegnati nello sviluppo di soluzioni innovative per la gestione della pandemia – spiega Roccio – ora Clonit ha dato vita a questo nuovo kit, che presenta costi contenuti e la massima affidabilità». L’uscita sul mercato è prevista per fine mese, una volta conclusa la messa a punto e ottenute tutte le certificazioni necessarie. In quel momento il test sarà disponibile per tutta l’Unione Europea. 

Articolo completo sul giornale in edicola

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here