Il viadotto tra Doccio e Roccapietra è sicuro

0
Bondetti indica il ponte al centro dell'attenzione

Il ponte di Doccio è sicuro, “basta allarmismi” al riguardo. A dichiararlo è Pier Mauro Andorno, Consigliere delegato alla viabilità in Provincia di Vercelli. Giunge così a stretto giro di posta la risposta del Consigliere alla situazione denunciata dal vicesindaco di Varallo in Valsesia, l’architetto Pietro Bondetti.

“La Provincia, con stupore, ha appreso dell’iniziativa del vicesindaco di Varallo, l’architetto Bondetti, di denunciare una situazione di pericolo su un ponte a Quarona. Bondetti, già Assessore e Presidente del Consiglio provinciale, avendoli deliberati non può certo ignorare che gli interventi sulle problematiche che minacciavano la stabilità del ponte sono già stati realizzati nel 2016, consolidando le fondazioni delle tre pile in alveo”.

Queste le parole del Consigliere provinciale delegato alla viabilità, Pier Mauro Andorno, in seguito all’allarme lanciato dal vicesindaco di Varallo, Pietro Bondetti, relativamente alla presunta pericolosità del ponte di Doccio sulla SP299.

“Il pulvino come noto a tutti gli ingegneri (ed architetti), lavora solo per ripartire i carichi e la loro situazione – dice Andorno – è nota e monitorata da quando abbiamo acquisito la SP299 da Anas. I ferri che si vedono nelle foto sono le staffe di chiusura della sezione in cemento armato del pulvino di diametro 6 millimetri e le staffe, in tale fattispecie, non contribuiscono alla resistenza. Le travi, lo diciamo chiaramente, non sono state intaccate e questo Bondetti lo sa perfettamente. Meglio sarebbe dunque evitare inutili allarmismi. Ad ogni buon conto, nulla va sottovalutato e quindi abbiamo invitato il dirigente alla viabilità ad effettuare una verifica già nella giornata di oggi e dalla rilevazione non sono emersi elementi tali da modificare la relazione di dicembre che, già allora, attestava la sicurezza del ponte”.

La Provincia ha ritenuto, responsabilmente, di intervenire prima di tutto per mettere in sicurezza il ponte dal punto di vista statico, cosa avvenuta nel 2016 con interventi per più di mezzo milione di euro, lasciando ad azioni successive il ripristino dei copriferri.

In questo secondo intervento, l’intenzione è quella di rifare l’impermeabilizzazione dell’impalcato, rifare i giunti di dilatazione e la nuova bitumatura per evitare che acqua e sale raggiungano le strutture portanti.

Purtroppo, si tratta di un intervento molto oneroso, stimato in circa due milioni di euro, che la Provincia non può assolutamente sostenere per le note vicende finanziarie delle Province italiane denunciate più volte in questi ultimi anni. Per questo la Provincia ha chiesto sia in passato che ancora recentemente dei finanziamenti allo Stato e alla Regione Piemonte per questo ed altri interventi ma non ha ancora ottenuto risposta.  “L’auspicio – chiude Andorno – è che arrivino i fondi sufficienti per un fabbisogno di manutenzione ordinaria e straordinaria stimato per la sola Provincia di Vercelli in circa 90 milioni di euro, confidando che dopo Rigopiano, Genova e le altre, troppe tragedie nazionali, finalmente arrivino le risorse necessarie per investire in sicurezza”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here