Alla Pediatria del Maggiore, nuovo atrio d’ingresso a misura di bimbo

0

Un sogno che diventa realtà. E’ stato inaugurato questa mattina, lunedì 10 giugno, nella Pediatria dell’ospedale Maggiore di Novara, il nuovo atrio d’ingresso, area che è stata completamente ristrutturata. Un risultato frutto della sinergia tra Abio, l’Associazione per il bambino in ospedale, di Novara, e ospedale Maggiore.

Abio ha collaborato con il nosocomio per la creazione e decorazione di un grande banco di accoglienza, dove il personale ospedaliero, con il sostegno dei volontari Abio, guidati dalla presidente Antonella Brianza, fornisce informazioni agli utenti, aumentando così l’accoglienza e l’umanizzazione del reparto. Sempre l’associazione si è occupata del decoro completo dello spazio d’ingresso e del rinnovamento dell’acquario, contribuendo a creare un ambiente colorato, caloroso e accogliente per i piccoli. Le decorazioni sono state ideate e realizzate dall’artista Silvio Irilli di Ospedali Dipinti, già autore del Progetto Abio di rinnovamento del Pronto Soccorso Pediatrico del 2017. L’acquario del reparto, da sempre punto di attrazione caratteristico e irrinunciabile per tutti i bambini, è stato realizzato insieme a Oceania, che ne cura anche la continua manutenzione. 

Questa mattina, durante l’inaugurazione, alla presenza del direttore generale dell’ospedale, Mario Minola e di tutti gli sponsor, è stato ricordato anche il professor Luigi Maiuri, già direttore delle Pediatria, mancato da poco, che ha fortemente voluto il banco di accoglienza, così da fornire un efficiente servizio di informazioni. Un progetto che si è completato grazie al preziosissimo supporto del dottor Mauro Zaffaroni, attuale direttore facente funzioni della Pediatria del nosocomio novarese, presente stamani all’inaugurazione.

Abio e ospedale hanno ringraziato tutti gli sponsor, i sostenitori, che hanno creduto con forza nell’iniziativa. Dall’Igor Volley alla Polisportiva San Giacomo Novara, passando per il Coro “Le Voci di Novara”, la Pro Loco di Galliate, Esseco Srl, Colines, Comoli Ferrari e gli studenti del sesto anno di Medicina, che hanno effettuato una donazione molto generosa in memoria del professor Maiuri. All’inaugurazione sono state presenti la moglie e la figlia del professore.

“Un sogno che è diventato realtà – ha riferito Brianza – Entrare in pediatria oggi vuol dire avere di fronte a sé il banco di accoglienza, meravigliosa parola dipinta sulla parete, che si fa viva: avvicinarsi al banco, dove una persona sorridente è sempre pronta a dare informazioni, muoversi nei corridoi e trovarsi in un’isola del tesoro, passare a fianco all’acquario rinnovato e ben curato, con piante vive e pesciolini che incantano sempre i più piccoli. Questo è il risultato di un lungo progetto, frutto della sinergia con l’ospedale e con i nostri ‘amici sostenitori’. E’ bello ora vedere entrare i bambini con occhi sgranati dalla sorpresa e i genitori che dicono “Come è bello, come è cambiato!”. “Un luogo – ha aggiunto Zaffaroni – dove i bambini si possono ritrovare, conoscere”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here