L’associazione “Il Timone” di Novara vince il bando “Vivomeglio 2018”

0

Tutelare il benessere del bambino con disabilità per favorire l’autonomia e agevolare la partecipazione attiva alla vita sociale, nel rispetto della sua dignità. È questo l’obiettivo del progetto L’isola che non c’era”, ideato dall’Associazione “Il Timone” di Novara, vincitore del bando “Vivomeglio 2018” della Fondazione CRT, per lo sviluppo, la qualificazione e l’innovazione di progetti finalizzati al miglioramento della qualità della vita e al benessere delle persone con disabilità.

L’associazione, che conta circa 120 utenti, si avvale della collaborazione di numerosi volontari, oltre che di una squadra di educatori e professionisti esperti di psicologia, logopedia, neuropsicomotricità, pet-therapy, ginnastica, arte terapeutica, dizione, recitazione e tecnica vocale.

La Fondazione De Agostini ha fortemente voluto la nascita dell’Associazione Il Timone e la sostiene in tutte le sue quotidiane attività, realizzate negli spazi della sede di via Giovanni da Verrazano 13, nella consapevolezza di quanto sia importante per il territorio novarese poter usufruire di servizi di qualità, finalizzati all’inclusione sociale, a favore delle persone più svantaggiate.

“L’isola che non c’era” propone diverse attività, rivolte in modo specifico ai bimbi con disabilità in età evolutiva, e offre agli utenti del territorio novarese opportunità terapeutiche, ludiche e di integrazione sociale, che si concluderanno a giugno 2019.

Psicomotricità, logopedia, acquaticità, spazio gioco, pet therapy e sostegno psicologico rappresentano il percorso pensato per rispondere ai bisogni dei bambini e del loro nucleo familiare. Con un’attenzione particolare alla famiglia, il progetto punta a garantire il diritto a una vita più serena, nella consapevolezza delle potenzialità e dei limiti del proprio figlio disabile, contemplando anche la prevenzione e la cura di possibili forme di disagio socio-familiare che coinvolgono i genitori e in modo allargato tutti i familiari.

Nell’affrontare le problematiche dei bambini in età evolutiva con ritardi cognitivi di qualunque entità è importante poter iniziare al più presto un percorso di supporto e sostegno alle abilità cognitive, linguistiche e motorie.

Per raggiungere in modo efficace questo obiettivo, “L’isola che non c’era” si articola in sei azioni progettuali.

La prima è terapeutica e offre ai bambini percorsi specifici di psicomotricità e di logopedia, finalizzati allo sviluppo e al rafforzamento di competenze e autonomie.

La seconda è dedicata al supporto psicologico a genitori, fratelli, sorelle e parenti dei bambini con disabilità, per raggiungere una positiva dimensione di stabilità familiare e, di conseguenza, una situazione di benessere generale.

La terza azione offre uno spazio gioco attrezzato per l’intero nucleo familiare, dove il bambino con disabilità può divertirsi, essere stimolato e vivere momenti di socializzazione.

La quarta si basa sulla pet therapy che, attraverso la relazione con l’animale, consente al bambino con disabilità di instaurare relazioni che migliorano la sfera emozionale e aumentano il suo benessere.

La quinta azione prevede l’esperienza dell’acquaticità, attività svolta in piscina che è in grado di sollecitare contemporaneamente la sfera psicologica, sensoriale, motoria, cognitiva e sociale.

La sesta offre l’opportunità di usufruire di un centro estivo, aperto anche a fratelli e sorelle del bambino con disabilità, dove in un luogo si svolgeranno lavori di gruppo, momenti di gioco strutturato e libero.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here