Don Salvatore Gentile accolto a Rossa

0
Accoglienza don Salvatore Gentile a Rossa (foto Patry Cometti)

Don Salvatore Gentile è stato accolto nella nuova parrocchia di Rossa, il mattino di domenica 4 novembre. La domenica precedente aveva fatto ingresso ufficiale (per questo si scrivere solo di “accoglienza” a Rossa) a Boccioleto, nel suo nuovo servizio di parroco in Val Sermenza, comprendente le parrocchie delle stesse Boccioleto e Rossa e di Rimasco (che a sua volta include le località di Rima, San Giuseppe e Carcoforo).

Rossa ha 182 abitanti, 96 famiglie, e comprende le frazioni Piana, Rainero, Cà dei Bianchi, Salerio, Folecchio, Cerva, Cà dei Secchi. La chiesa parrocchiale è dedicata a Maria Vergine Assunta.

All’ingresso, dopo le note della Filarmonica di Rossa, diretta dal maestro  Daniele Arbellia, il saluto del sindaco  Alex Rotta.

Ha continuato: «Le tradizioni sono ancora molto vive, grazie al contributo sia degli abitanti sia nostri villeggiati ormai adottati come rossesi».

Impensabile il numero delle associazioni tenendo conto del numero degli abitanti: «Comitato pro paniccia Rossa che organizza il carnevale e altre iniziative estive; Gruppo alpini che si occupa anche del patrimonio; Onlus Cavaione e onlus frazioni alta da Rossa a Tracciora, che garantiscono la manutenzione di sentieri e altro; Pompieri guardiafuoco; Pro loco; Società filarmonica; Società filodrammatica».

La messa è stata accompagnata dalla Filarmonica e dal coro parrocchiale.

Saputo delle infiltrazioni dal tetto della chiesa parrocchiale, don Salvatore, pur garantendo il tangibile interessamento, ha rimarcato che il parroco non è venuto prioritariamente per fare riparazioni, ma per diffondere il vangelo di Gesù.

Fra i presenti alla Messa, il brigadiere di carabinieri Giuseppe Bosco e il maresciallo del Soccorso alpino Guardia di Finanza Davide Recrucolo.

Dopo la Messa, agape fraterna alla Trattoria dei cacciatori di Rossa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here